Ditemi… è forse un disonore partire per un luogo lontano per aiutare un popolo dimenticato che lotta per sopravvivere nella propria terra, nella terra dei propri avi? Ditemi… è forse riprovevole raggiungere dei villaggi remoti, percorrendo sentieri talvolta cosparsi di mine, e incontrare sguardi e sorrisi di bambini che vivono nella giungla, la loro terra, dove ancora si muore per dissenteria e malaria e portare loro medicinali? Ditemi… è disonorevole aiutare malati che non sanno dove reperire nemmeno un’aspirina? Ditemi… é da coglioni fare volontariato umanitario e non mettersi da parte nemmeno un euro, coprire le spese delle missioni con le proprie tasche perché tutto il ricavato di ogni manifestazione viene destinato solo ed esclusivamente all’acquisto di medicinali e materiale didattico?
Ecco, questo è il tipo di attività e lo stile della Onlus di cui orgogliosamente faccio parte e che sono fiero di rappresentare.
Ora ditemi… non credete sia squallido infangare volontari e medici che portano aiuto a un popolo che orgogliosamente desidera vivere nella sua Patria invece di diventare schiavo in altri continenti? Ditemi… vi sembra lodevole far passare per dei furfanti volontari che lasciano le loro famiglie per assistere gente che combatte contro la produzione di anfetamine ed eroina destinate ai nostri figli? Ditemi… non trovate miserabile mancare di rispetto a uomini e donne che sfidano autorità e soldati per entrare in contatto con un popolo dalle caratteristiche esemplari per condotta morale ed etica?
Ringrazio ancora una volta tutte le persone e i personaggi che hanno partecipato alle nostre iniziative dove ho sempre raccontato loro di cosa si occupa la Comunità Solidarista Popoli. Ringrazio in particolar modo i calciatori, campioni che hanno tutte le volte risposto con generosità agli appelli di un loro collega che trova naturale utilizzare la popolarità dei giocatori per alimentare attività umanitarie essenziali per la sopravvivenza di migliaia di persone.
Ringrazio Vincent Candela che mi ha onorato della sua amicizia e che mi ha consentito di vivere una serata di grande emozione assieme ai miei ex compagni, davanti ad una tifoseria indimenticabile, circondato dal calore del generoso popolo romanista che ha nei ragazzi della Curva Sud il suo storico baluardo. A quelli che ora cercano di attaccare Vincent con una campagna ridicola darei un bel cartellino giallo. Vincent, fidandosi delle informazioni fornite dal sottoscritto circa le attività della mia organizzazione, mi ha permesso di vendere alcune centinaia di biglietti che porteranno nelle casse di Popoli circa duemila euro. So che per i professionisti della solidarietà questa cifra può apparire insignificante, perché non ci coprirebbero magari nemmeno uno dei loro stipendi. Per la mia Onlus invece, in cui non si paga alcun salario, quei soldi significano sei mesi di farmaci di prima necessità per una delle nostre cliniche della giungla.
Grazie di Cuore a tutti quelli che ci hanno sostenuto e a quelli che ancora ci sosterranno: ne sono certo, saranno ancora di più.

La Comunità Solidarista Popoli ringrazia di cuore Vincent Candela, gli organizzatori e i partecipanti all’evento “Voi siete Leggenda” realizzato lo scorso 29 dicembre allo Stadio Olimpico a fini benefici.
Una percentuale del ricavato sulla vendita dei biglietti è stato donato alla nostra Comunità , una piccola cifra, ma che per la Comunità Saolidarista e per il Popolo Karen rappresenta la possibilità di rifornire di farmaci essenziali per 6 mesi una delle nostre cliniche in Birmania, in un’area dove la popolazione non può accedere normalmente nemmeno ad una compressa di chinino per la cura della malaria. E dove noi operiamo da ben 15 anni siamo presenti con risultati veri e tangibili.
Concludiamo nell’auguriare all’organizzazione di Vincent futuri successi e una sempre più proficua attività a favore dei più bisognosi. Ignorando, naturalmente, i ragli inutili dei somarelli di Pinocchio alla fiera di Mangiafuoco.

Alberto Faccini – sezione Roma